Amministrativo, Il giurista risponde

Interpretazione diritto UE Il modo in cui il Consiglio di Stato interpreta e applica il diritto dell’Unione europea rientra nell’ambito del sindacato riservato alla Corte di cassazione per motivi inerenti alla giurisdizione ai sensi dell’art. 111, comma 8, Cost.?

Quesito con risposta a cura di Claudia Buonsante, Giusy Casamassima e Ilenia Grasso

 

È inammissibile il ricorso col quale si denunci un eccesso di potere giurisdizionale, sub specie di diniego di giustizia, del giudice amministrativo di ultima istanza, derivante dal presunto radicale stravolgimento delle norme di riferimento, nazionali o unionali, interpretate in senso incompatibile con la giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea. – Cass. Sez. Un. 30 agosto 2022, n. 25503.

Sulla base di quanto affermato dalla Corte di giustizie UE, adita in via pregiudiziale ex art. 267 TFUE, con l’ord. 19598/2020, le Sezioni unite della Corte di Cassazione hanno ritenuto di poter dare continuità all’orientamento giurisprudenziale che interpreta in senso restrittivo la nozione di sindacato per motivi inerenti alla giurisdizione di cui all’art. 111, comma 8, Cost.

Si è, dunque, esclusa l’impugnabilità delle sentenze del Consiglio di Stato che facciano applicazione di prassi interpretative elaborate in sede nazionale ritenute confliggenti con sentenze della Corte di giustizia, quali ipotesi di eccesso di potere giurisdizionale da denegata giustizia, derivante da un radicale stravolgimento delle norme di riferimento, nazionali o unionali.

 

PRECEDENTI GIURISPRUDENZIALI
Conformi:    CGUE, sez. IX, 7 luglio 2022, in causa C-261/21;
CGUE, Grande Sezione, 21 dicembre 2021, in causa C-497/20
Difformi:      Cass. Sez. Un. 29 dicembre 2017, n. 31226; Id., 6 febbraio 2015, n. 2242
Tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *